I vantaggi dello smart working per le aziende

Tu sei qui:

Elenco dei contenuti

Hai mai pensato che potresti avere dei grandi vantaggi applicando lo smart working per le aziende come la tua?

Negli ultimi anni, l’avvento del lavoro agile, comunemente chiamato smart working, ha trasformato profondamente il mondo del lavoro, portando numerosi cambiamenti positivi sia per i lavoratori che per le aziende.

Sono certa che avrai almeno un parente, amico o conoscente che ti ha raccontato del tempo risparmiato in code in auto negli orari di punta, della gioia che prova nel poter andare, magari anche solo una volta a settimana, a prendere i figli a scuola…

E magari anche un collega imprenditore che ha stuzzicato il tuo interesse elencandoti i vantaggi derivanti dall’introduzione dello smart working nella sua azienda, come l’aumento della produttività e della soddisfazione dei dipendenti e una generale riduzione dei costi.

Eccoci allora a fare luce e chiarezza insieme, esplorando in dettaglio i vantaggi dello smart working per le imprese.

1 Controllo dei costi

Il vantaggio più immediato dello smart working per le aziende è infatti la significativa riduzione dei costi. Eliminando la necessità di ampi spazi fisici per ospitare tutti i dipendenti, le imprese possono infatti risparmiare notevolmente su affitti, utenze, manutenzione e altre voci di costo associate all’ufficio tradizionale. Inoltre, il lavoro flessibile può comportare anche una riduzione delle spese per forniture, attrezzature e servizi IT. Infine, quando le aziende prevedono anche un rimborso carburante per le auto aziendali in dotazione al personale, consentendo di lavorare in smart working, tengono sotto controllo notevolmente anche questo costo. E se pensiamo all’incremento che ha avuto il prezzo del carburante in questi ultimi anni si tratta di un notevole risparmio!

Quell’amico imprenditore che ti ha dunque parlato di un controllo di costi quale vantaggio dello smart working per le aziende, era sincero!

2 Aumento della produttività

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, lo smart working porta ad un aumento della produttività dei dipendenti.

Lavorando da remoto, i lavoratori hanno la possibilità di strutturare la propria giornata lavorativa in modo più efficiente, eliminando i tempi morti e le distrazioni tipiche dell’ambiente ufficio. Meno pause caffè, meno chiacchiere nei corridoi, meno sigarette… e più tempo a disposizione da dedicare alle proprie mansioni.

3 Maggiore fidelizzazione dei dipendenti

Tra i vantaggi dello smart working per le aziende, c’è quello di offrire ai dipendenti anche un maggior grado di flessibilità e autonomia, elementi che si traducono in un aumento della soddisfazione lavorativa e della fidelizzazione, per usare un inglesismo, un aumento del working-life-balance. Potendo gestire autonomamente il proprio tempo e il proprio spazio di lavoro, i dipendenti si sentono più motivati e responsabili. Inoltre, la modalità di lavoro agile permette loro di conciliare meglio vita privata e professionale, favorendo un miglioramento generale del loro benessere psicofisico.

Pensiamo anche alle tantissime mamme-lavoratrici che fanno salti mortali per gestire al meglio orari di ingresso e uscita dei figli, malattie ed imprevisti alla routine famigliare. Lavorando in “smart” possono fare a meno di chiedere permessi e gestire il menage familiare con maggiore serenità a beneficio di una maggiore concentrazione sul lavoro.

vantaggi smart working per le aziende

4 Benefici per la salute e l’ambiente

Lo smart working ha un impatto positivo anche sulla salute dei dipendenti. L’eliminazione degli spostamenti casa-lavoro riduce infatti lo stress e l’inquinamento atmosferico, favorendo uno stile di vita più sano. Inoltre, lo smart working può contribuire a ridurre l’assenteismo per malattia, con un conseguente risparmio per le aziende.

5 Accesso a un bacino di talenti più ampio

Hai notato un profilo molto interessante su LinkedIn ma questa persona vive a centinaia di chilometri dalla sede tua azienda, o addirittura all’estero?

Ebbene, grazie allo smart working puoi superare i vincoli geografici nella ricerca di nuovi talenti e far unire al tuo team talentuoso anche dipendenti che non risiedono a una distanza ragionevole dalla tua azienda. Non essendo più necessario che i dipendenti si trovino fisicamente in sede, le imprese possono infatti valutare candidati provenienti da tutto il mondo, ampliando il proprio bacino di talenti e selezionando i migliori profili per ogni posizione.

6 Miglioramento dell’immagine aziendale

Adottare lo smart working dimostra l’attenzione dell’azienda verso il benessere dei propri dipendenti e la sua sensibilità alle tematiche di innovazione e sostenibilità, quest’ultima in particolare saprai bene essere un argomento di grande attenzione sul panorama mondiale del lavoro e non solo.

Ebbene, introducendo il lavoro agile ne gioverà anche l’immagine aziendale, che potrà così attrarre nuovi talenti, aumentare la fidelizzazione dei clienti e rafforzare la sua competitività sul mercato.

In conclusione quindi, quegli amici lavoratori che beneficiano dello smart working e quegli amici imprenditori che ti hanno elencato i tanti vantaggi dello smart working per le aziende, hanno assolutamente ragione!

I suoi benefici sono oggettivi, concreti, tangibili e misurabili, sia per le aziende che per i dipendenti e, posso assicurarti che le aziende che hanno saputo prontamente cogliere le opportunità offerte dallo smart working godono oggi di un vantaggio competitivo notevole e sono anche tra le più ambite quale luogo di lavoro “ideale” da molti lavoratori.

Quindi, cosa aspetti? Se ancora non hai introdotto lo smart working nella tua azienda non aspettare oltre. Il mercato è in continua evoluzione e prima ti adegui più alte saranno le possibilità per far prosperare il tuo business.

Per consulenze ad hoc sui vantaggi derivanti dall’introduzione dello smart working della tua azienda, sulla migliore procedura di implementazione da seguire, sulla gestione delle pratiche amministrative derivanti e del personale, non esitare a contattarmi.

FAQ

1 Che effetto fa lo Smart Working?

Lo Smart Working ha un impatto positivo su diversi aspetti del lavoro, tra cui:

  • Produttività: eliminando i tempi morti e le distrazioni dell’ufficio tradizionale, i dipendenti possono lavorare in modo più efficiente e concentrato.
  • Soddisfazione dei dipendenti: la flessibilità e l’autonomia offerte dallo Smart Working aumentano la motivazione e il benessere psicofisico dei lavoratori.
  • Equilibrio vita-lavoro: l’eliminazione degli spostamenti casa-lavoro e la possibilità di gestire autonomamente il proprio tempo permettono ai dipendenti di conciliare meglio vita privata e professionale.
  • Costi per le aziende: riduzione di spese per affitti, utenze, manutenzione, forniture, attrezzature e servizi IT.
  • Accesso a un bacino di talenti più ampio: le aziende possono superare i vincoli geografici e selezionare i migliori profili indipendentemente dalla loro ubicazione.
  • Immagine aziendale: adottare lo Smart Working dimostra l’attenzione dell’azienda verso la sostenibilità e il benessere dei propri dipendenti, migliorando la sua reputazione.

2 Che significa lavoro smart working?

Lo Smart Working, o lavoro agile, è una modalità di lavoro flessibile che permette ai dipendenti di svolgere le proprie mansioni da remoto, utilizzando le tecnologie informatiche. Questo significa che i lavoratori non sono vincolati a un luogo di lavoro fisso, ma possono lavorare da casa, da un coworking o da qualsiasi altro luogo connesso a internet. Questo è certamente uno dei vantaggi dello smart working per le aziende.

3 Che differenza c’è tra smart working e lavoro agile?

In realtà, i termini “Smart Working” e “lavoro agile” sono spesso utilizzati in modo intercambiabile. Tuttavia, esiste una sottile differenza:

  • Smart Working: enfatizza l’utilizzo intelligente delle tecnologie per ottimizzare il lavoro da remoto.
  • Lavoro agile: mette maggiormente l’accento sulla flessibilità e sull’autonomia del dipendente nell’organizzazione del proprio lavoro.

In entrambi i casi, si tratta di modalità di lavoro che si basano su principi simili, come la flessibilità, l’autonomia e l’utilizzo delle tecnologie.

4 Che differenza c’è tra telelavoro e smart working?

Il telelavoro è una modalità di lavoro che prevede lo svolgimento delle mansioni a distanza, utilizzando esclusivamente strumenti di comunicazione telematica. Rispetto allo Smart Working, il telelavoro si caratterizza per una maggiore rigidità organizzativa e per un minor margine di autonomia per il dipendente.

5 Che cosa regola l’Accordo Aziendale di lavoro agile?

L’Accordo Aziendale di lavoro agile è un accordo tra azienda e lavoratori che definisce le modalità concrete di svolgimento del lavoro agile all’interno dell’impresa. L’accordo deve essere conforme ai principi stabiliti dalla legge e dai contratti collettivi nazionali di lavoro.

6 Chi ha diritto a fare lo smart working?

Tutti i lavoratori hanno il diritto di richiedere lo Smart Working al proprio datore di lavoro. Tuttavia, il datore di lavoro non è obbligato a concederlo, se non in presenza di specifiche condizioni. Ad esempio, il diritto allo Smart Working è riconosciuto ai lavoratori fragili, ai genitori di figli piccoli e a chi abita in zone con carenza di servizi di trasporto pubblico.

7 Chi lavora in smart working guadagna meno?

No, la retribuzione dei lavoratori in Smart Working non deve essere inferiore a quella dei colleghi che lavorano in sede. Lo stipendio e gli altri emolumenti accessori devono essere erogati in modo uguale per tutti i lavoratori, indipendentemente dalla modalità di lavoro scelta.

8 Quale tra queste è una difficoltà che si può riscontrare con lo smart working?

Isolamento sociale: La mancanza di interazione quotidiana con i colleghi può portare a un senso di isolamento e demotivazione per alcuni lavoratori.

9 Quali sono i vincoli degli smart workers?

Gli smart workers devono essere in grado di lavorare in modo autonomo e responsabile, gestendo il proprio tempo e le proprie priorità in modo efficiente. Inoltre, devono essere dotati di buone capacità di comunicazione e collaborazione a distanza.

10 Quando il datore di lavoro è obbligato a concedere lo smart working?

Il datore di lavoro è obbligato a concedere lo Smart Working ai lavoratori fragili, ai genitori di figli piccoli e a chi abita in zone con carenza di servizi di trasporto pubblico. Inoltre, il datore di lavoro può decidere di concedere lo Smart Working a tutti i lavoratori o a determinate categorie di lavoratori, in base alle proprie esigenze organizzative.

Condividi questo articolo >>

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Chiara Ripamonti

Chiara Ripamonti

Assistente virtuale, online Office Manager e Business Development specialist